enricotomaselli

Talkin' about revolution (all texts are copyleft)

Mannaggia a Scipione!…

with 6 comments

Fa caldo, il tasso di umidità al 100% porta volontà e lucidità al 5%. Giri per la città, e torni a vedere minacciosi cumuli di spazzatura, anche in pieno centro, mentre cartacce e cicche di sigarette decorano ogni marciapiede.
Certo, la crisi si fa sentire, ti toglie la possibilità di fare molte delle cose che vorresti, e così la calura infierisce su animi già fiaccati. Ma la rivoluzione, dov’è? Dov’è il cambiamento?
Quando Bassolino divenne Sindaco per la prima volta (e lo dico senza alcuna nostalgia), la differenza tra il prima ed il dopo era tangibile. Si era creato anche un circolo virtuoso tra l’amministrazione ed i cittadini, che alimentava e rendeva concreto, quotidiano, il cambiamento.
Dello straordinario entusiasmo che ha accompagnato l’avventura elettorale di De Magistris, e poi la sua elezione, non vedo invece più traccia. La città mi sembra stanca, delusa, persa.
Lo scarto tra aspettative e risultati è grandissimo; tanto da lasciare ben poche speranze per il futuro. E sì che invece ce ne sarebbe un gran bisogno!
Napoli mi appare sempre più come la casella di uno scacchiere dove si gioca una partita estranea; le mosse dei vari player sono decise con la mente e lo sguardo altrove, e spesso vengono letteralmente da fuori. Il Sindaco affronta i primi cedimenti nella sua squadra e nella sua maggioranza, proprio mentre si prepara a giocare la sua partita in nazionale. Il PD e SEL provano ad articolare le proprie posizioni sul territorio, cercando di tenere insieme la coerenza con un quadro nazionale fluido e mutevole, e l’esigenza di rientrare in gioco localmente.
Ma tutto ciò avviene nella più totale assenza della Politica (la P maiuscola è voluta…). Dietro al velo sottile delle parole, non si intravede alcuna Politica, da alcuna parte. Il cosa, il come, il quando. L’unica cosa chiara è il perchè: una partita giocata all’insegna del più totale tatticismo, totalmente autoreferenziale, da parte di tutte le forze politiche. Che leggono la realtà attraverso la lente deformante del proprio interesse.
Mala tempora currunt.

In questo esordio d’estate, facendo appello a quel 5% di lucidità rimastomi, ci sono alcune domande che continuo a farmi, e che in realtà vorrei fare a precisi interlocutori.
Provo a riepilogarle, a me stesso ed a voi affezionati lettori, sperando che qualcuno di questi interlocutori mi legga, e voglia farci il dono di una risposta. In caso, astenersi dal politichese, please.
Non c’è alcun ordine gerarchico, le sparo così come vengono, anche perchè sono estremamente disparate, e quindi vale il detto anglosassone last but not least.

Scipione l'Africano, quell'altro...

Scipione l’Africano, quell’altro…

Vorrei che il Sindaco spiegasse perchè, dopo che l’assessore alla sicurezza Narducci ha rassegnato le sue dimissioni, ha fatto sapere che il suo contributo al lavoro della Giunta, durante quest’anno, era stato a dir poco carente se non del tutto assente. Perchè se è vero, vorrei capire per quale ragione ha scelto di tenerlo comunque in Giunta (anche considerando il fatto che stiamo parlando di una pubblica amministrazione, non di una sua azienda privata) per tutto questo tempo. Personalmente credo che sia sincero, quando parla della propria delusione per le scelte di Narducci; credo che sia deluso più per l’abbandono, che non per la – vera o presunta – scarsa attività dell’assessore. Ma possibile che non si renda conto che è altrettanto deludente sentir muovere queste critiche adesso? Davvero non capisce che averlo scelto, averlo tenuto in Giunta anche quando veniva criticato da esponenti della maggioranza, e persino – a quanto pare – quando non svolgeva il proprio incarico come dovuto, è innanzi tutto una sua precisa responsabilità?
La delusione è una faccenda umana e personale. La responsabilità è una questione politica. Non la può ignorare.

Dopo tante chiacchiere, tante affermazioni roboanti e promesse fantasmagoriche, sul Forum Universale delle Culture 2013 siamo ancora allo zero assoluto. Vorrei che il Sindaco ed il Presidente della Regione Stefano Caldoro, insieme, spiegassero pubblicamente lo stato delle cose: quale sarà l’entità degli stanziamenti, e come e quando saranno impegnati? Quale ente o altro prenderà il posto della Fondazione, nella gestione dell’evento? Chi guiderà questa nuova macchina organizzativa? Con quali tempi e programmi?
E vorrei che lo facessero – per una volta – con una modalità diversa dal mordi e fuggi cui ci hanno abituato i nostri amministratori.
Vorrei che si convocasse una pubblica assemblea, aperta ad ogni cittadino ma a cui fossero invitati principalmente tutti quanti operano nell’arte e nella cultura. Vorrei che spiegassero in quella sede quanto hanno fatto e perchè, e con quali risultati, assumendosene (ancora una volta…) la responsabilità. E vorrei che dopo i loro interventi di apertura, restassero lì fino all’ultimo, ascoltando fino all’ultima cazzata e rispondendo a qualsiasi domanda –  senza accampare la trita scusa degli impegni istituzionali per evitare qualsiasi contraddittorio.

E già che siamo in tema, spero che l’assessore Lucarelli – a parte occuparsi di A.L.B.A. (Alleanza per il Lavoro, Beni comuni, Ambiente) – non dimenticasse che c’è una questione sospesa, che ha nome ex-asilo Filangieri.
Vorrei che dopo quella straniante assemblea del 7 giugno, la questione non cadesse nel dimenticatoio; vorrei, ad esempio, che spiegasse perchè a quell’assemblea si è arrivati con un disciplinare (una sorta di regolamento attuativo della precedente delibera sull’uso e l’assegnazione dell’edificio) che lui stesso ha dichiarato di non condividere. Chi lo ha redatto, allora? Vorrei che dicesse quando e dove si terrà la prossima assemblea per stabilire, in modo aperto e partecipato, come deve essere redatto questo regolamento. Pur apprezzando sinceramente la sua disponibilità all’ascolto (lui si che è rimasto sino all’ultimo!), vorrei che in questa prossima occasione apparisse e fosse – in quanto pubblico amministratore – il garante di tutti i cittadini (presenti e non). Perchè la volta scorsa in molti abbiamo avuto invece la sensazione di essere – noi e luiospiti in un’assemblea organizzata da La Balena. Senza alcuna ostilità preconcetta nei confronti di quanti hanno lavorato all’interno dell’ex-asilo in questi mesi, non mi sembra la procedura corretta.

Vorrei che il Sindaco di Barcellona, Xavier Trias i Vidal de Llobatera, e Mireia Belil, Direttrice della Fondaciò, mostrando di avere a cuore sia il format del Forum delle Culture, sia la città di Napoli, dicessero con franchezza che così non va, che è necessario uno scatto, un cambio di passo immediato, altrimenti molto meglio rinunciare. Vorrei che la Direttrice Belil, che conosce ed ama la nostra città, pur nei limiti di una comprensibile diplomazia nei confronti degli interlocutori istituzionali, dicesse: davvero pensa che sia ancora possibile – dato il quadro generale di tempi, fondi e modi – fare un bel Forum nel 2013? E comunque, esistono (ed eventualmente, quali sono) delle vie d’uscita onorevoli da questo cul de sac in cui ci ha cacciato l’insipienza e l’inesperienza dei nostri amministratori?

Fa caldo, e la lucidità è scesa all’1%.
Meglio fermarsi qui, altrimenti chissà cosa mi scappa dalla tastiera… Mannaggia a Scipione!
P.S.
Adesso fa caldo, e abbiamo tutti voglia di mettere le chiappe a mollo da qualche parte (magari su una spiaggia pubblica a Bagnoli…). Ma credetemi: a settembre farà ancora più caldo.

Annunci

6 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Caro Enrico, per quel poco di lucidità che ancora ti (ci) è concessa, mi sembrano efficaci e meritorie di risposta le tue domande. Quello che esponi chiaramente è purtroppo il quadro desolante di una città che vive in totale autonomia e con delle regole apotropaiche che, lungi dalla democrazia partecipata e dallo spirito sociale, ci spingono sempre più a ritroso in un passato che continua a non passare mai.
    La questione rifiuti sta lentamente avanzando, forse per non lasciarci orfani delle “montagne nere” (come le chiamavamo i miei amici francesi), ci stiamo nuovamente ritornando ai tempi bui; basta pensare che la famosa “differenziata” è ferma e laddove si era avviata, comincia ad annaspare.
    Sulla questione Narducci? Oramai si rasenta il ridicolo con i colpi di scena e le offese personali. Come in ogni sodalizio interrotto, si aprono gli armadi! In questo caso il nostro Sindaco, si è reso veramente poco credibile con le affermazioni che hai giustamente riportato.
    La spinta di rinnovamento con cui poco meno di un anno fa inaugurammo la nuova stagione, è terminata mesi addietro nel silenzio totale di una giunta che già affanna ancor più silenziosa, UNICAMENTE tra gare di vela e concerti di piazza (e assolutamente più niente di Forum)…
    Come si dice… Festa, Farina e Forca… e tutti si accontentano, lasciando nell’ingombrante silenzio di un’estate desolante ed afosa, chi come noi ha una sensibilità accentuata e chi come te si prodiga anche materialmente e partecipativamente a risollevare le sorti “irrisollevabili” di una città morta. È dura definirla così, ma è l’unico aggettivo attribuibile.
    P.S. E la cosa più triste è che questa città ha un potenziale infinito di creatività, storia, arte, cultura, voglia di fare e menti geniali.

    lois

    23 giugno 2012 at 18:40

    • No, non sono d’accordo. Non tutti si accontentano. E credo che se ne accorgeranno anche a San Giacomo, quest’autunno…

      enricotomaselli

      23 giugno 2012 at 18:55

      • Non posso che augurarmelo

        lois

        23 giugno 2012 at 18:57

  2. Ascoltando “ascensore per l’inferno” di Miles Davis il pezzo di Enrico si legge meglio….

    ninconanco

    23 giugno 2012 at 19:28

  3. Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    icittadiniprimaditutto

    24 giugno 2012 at 18:05


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: