enricotomaselli

Talkin' about revolution (all texts are copyleft)

La città senza (co)scienza

with 3 comments

Ho un’istintiva ripulsa, per le teorie complottarde: proprio non mi riesce di credere che la Storia sia fatta da pochi e nell’ombra, mentre i più che si muovono alla luce del sole non sono che inconsapevoli pedine. Il che ovviamente non vuol dire che non creda vi siano forze oscure, che prediligono un’agire discreto, dissimulato. Abbiamo ben presente nella nostra memoria collettiva la lunga stagione delle stragi, la P2, le grandi holding del crimine che sui nostri territori hanno messo radici, per non sapere che queste forze esistono ed agiscono. Credo però che siano solo uno degli attori che si muovono sulla scena; e non necessariamente il più forte, o il più intelligente.
Ciò nonostante, di fronte a fatti incontrovertibili, non mi posso esimere dal pormi alcune domande.
Nella serata del 4 marzo 2013, un incendio – che ragionevolmente può ritenersi doloso – ha distrutto l’area lato mare della Città della Scienza, a Bagnoli. La condanna è stata forte ed unanime, così come pressochè unanime è stata l’indicazione della camorra come autrice del gesto.
Io non ho francamente elementi per stabilire se sia effettivamente così o meno. Ed a fronte di un fatto così grave – e doloroso, e gravido di conseguenze – preferisco tenermi lontano dalle facili equazioni dietrologiche. Certo, è un atto criminale, non soltanto in sé ma anche per le modalità attuative. Ed è possibile, forse anche probabile, che clan camorristici abbiano avuto parte nella esecuzione dell’attentato.
Ma non mi interessa il gioco del cui prodest; tanto più che, come è stato subito detto, quell’area è fortemente vincolata dal Piano Regolatore. Scoprire chi e perchè, sarà compito delle inchieste: quella della magistratura e, mi auguro, quelle dei giornalisti. A loro il compito di alzare il velo che, al momento, avvolge le ragioni del misfatto, aiutandoci a comprenderne le trame e (speriamo in tempi brevi) ad identificarne e punirne i responsabili.
A me interessa piuttosto un’altra domanda.
Perchè adesso.

Napoli brucia

Napoli brucia

Non credo sia casuale, che questo attacco frontale alla città, accada ora. Chiunque siano i mandanti, non avranno scelto il momento con leggerezza. Ma, ancora una volta, non mi interessa quel genere di esercizio speculativo. Quel che mi interessa, è ciò che questa sfrontatezza dice di noi.
Le fiamme dell’incendio di Bagnoli possono infatti gettare un lampo di luce sulla condizione odierna di Napoli, i suoi bagliori restituircene un’immagine di cui – forse – non c’è piena consapevolezza.
A me sembra del tutto evidente che questa aggressione avviene ora, perchè è ora che la città è debole.
É debole politicamente, perchè la sua amministrazione annaspa tra una drammatica crisi finanziaria, che fatica a gestire, ed un’altrettanto drammatica crisi di idee. Una debolezza acuita dalla scelta scellerata di investire su un esperimento politico fallimentare, che oltretutto proprio in città ha mostrato tutta la sua inconsistenza.
E lo è anche perchè si è alienata ogni interlocuzione istituzionale, se non quella con il Governatore Caldoro – un’altro che a malapena galleggia, sulla palude delle faide che dividono il centro-destra campano.
É debole socialmente, perchè l’impoverimento erode quel po’ di civismo che ancora poteva rintracciarsi, acuisce il rancore ed approfondisce le divisioni di classe.
Ed è debole culturalmente, perchè la disattenzione pubblica verso le questioni artistiche e culturali è profonda, e ne sta producendo il progressivo impoverimento. Una debolezza che ha cominciato a manifestarsi già tempo addietro, quest’ultima, quando le istituzioni culturali sono diventate terreno di scontro politico, ma che ha segnato il giro di boa con il saccheggio della biblioteca dei Gerolamini, attuato nella convinzione d’impunità che deriva dal clima d’assenza istituzionale.

La realtà è che questa città ha smarrito il senso di sè; nella duplice accezione di significato e di direzione. Non sa più cos’è, né dove sta andando.
Si è fatta fiaccare nello spirito, ha reagito al degrado con l’indifferenza invece che con l’indignazione, al declino con la rassegnazione piuttosto che con la rivolta.
Ancora non sappiamo qual’è il grumo di interessi e di cattiveria, che sta dietro le mani che hanno innescato l’incendio – e dietro le menti che l’hanno voluto. Non sappiamo cosa immaginassero di ottenere, da questa sfida. Quel che serve sapere, però, e che non basterà difendere dalla speculazione quello scheletro di pietra annerita. Non basterà salvaguardare i posti di lavoro, non sarà sufficiente ricostruire nel più breve tempo possibile. E già tutto questo non sarà facile, e richiederà tempo.
Ma se non sapremo riprendere in mano le fila del nostro destino, se non ricostruiremo un senso di appartenenza – alla città e della città – la sfida lanciata da quest’anima nera che si annida nel cuore di Napoli, sarà vinta.
É l’unico modo che abbiamo, per sanare quest’ultima ferita, e tutte quelle precedenti. Ingaggiare una battaglia senza quartiere e senza tregua. Perchè sia chiaro che possono bruciare la Città della Scienza, ma la coscienza della città non può andare in fumo con essa.
Come disse John Fitzgerald Kennedy, “Non chiedete cosa possa fare il paese per voi: chiedete cosa potete fare voi per il paese”.
Questo è il momento.

Annunci

Written by enricotomaselli

8 marzo 2013 a 19:48

3 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Mai chiusa finale fu più “azzeccata”!
    Il rogo di Bagnoli ha rappresentato il culmine di una devastazione socio-culturale, che negli ultimi anni ha preso il sopravvento conducendoci nella paura e nella solitudine. Forse, come dici tu, questo per “loro” (di qualunque natura essi siano, meritano di bruciare in fiamme analoghe a quelle che hanno appiccato) è il momento migliore, è il tempo dell’horror vacui in cui potersi infiltrare e radicare. Molto sinceramente questo rogo mi ha devastato mentalmente; di fronte ad un attacco del genere o si reagisce nell’immediato oppure moriremo per sempre. Io temo, che, come spesso accade, oggi c’è la foga e il sentimento dell’immediato..ma tra qualche tempo cadrà l’oblio anche su Bagnoli che diverrà patrimonio della criminalità. Spero di sbagliare…me lo auguro di cuore!

    lois

    8 marzo 2013 at 21:53

    • se parli di storia, e di civiltà, è naturale che tu parli di rovine e splendori. se pensi ad un’altra civiltà o città, quella si chiama civitas dei. insomma, un pò meno retorica please. il tema non può essere la novità del “sempre lo stesso”, e non basta ricordarti “che tutto cambia per non cambiare”. mo dico io, ti fai una bella tazza di thè, perchè il caffè t’ha fatto innervare troppo in questi anni, e fai mente locale (e magari convieni con gente come vico, comte, agostino, poi vedi tu, eh?!?). fatta mente locale, cominci a riflettere sull’uomo e su come ha sempre agito su questa terra, e sull’utilizzo del potere per compiere i suoi scopi (! vatti a vedere l’etimo), poi concretizzi: 1. che sei un feticista del potere, per te appena uno dimostra una qualsiasi forma di forza si realizza il momento atteso; 2. che sei un retorico della storia, che ti piace parlare e struttura il pensiero sulle vicende con la “S” maiuscola; 3. che ti piace la tautologia, che quando una cosa è lapalissiana, te stai là a compiacertene. e se ti dico questo è perchè, fai una bellissima premessa di ignoranza e di distanza dalle cose. e se ti dico questo, è perchè nella condizione materiale come quella della nostra epoca (realtà storica), non solo l’immateriale vago dell’informazione di cui ci cibiamo ogni giorno può essere il nostro sforzo. hai scelto un bel tema, non mi è piaciuto tanto come lo hai svolto.

      sossio

      13 marzo 2013 at 17:44

      • Non mi piacciono le censure, quindi ovviamente pubblico questo commento. Che non commento. Lo fa da sé.

        enricotomaselli

        13 marzo 2013 at 17:51


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: